News

28 Maggio: Giornata Mondiale del Burger. Ecco la ricetta del panino (al miele) a modo nostro!

Succulento, sfizioso e godereccio: se pensiamo alla cena del sabato sera non può che venirci in mente un coloratissimo Hamburger.
Può essere declinato in decine di varianti, ma oggi abbiamo deciso di riadattare quella classica e arricchirla con qualche dettaglio gourmet: hai mai assaggiato un hamburger con il miele Millefiori?

Preparalo per la famiglia o per gli amici invitati alle prime cene in terrazza, li stupirai con il suo sapore deciso e allo stesso tempo ricercato.

Puoi acquistare gli hamburger dal tuo macellaio di fiducia o decidere di prepararli tu, la cosa importante è bilanciare bene la percentuale di tagli magri e grassi della carne, per ottenere la consistenza succosa che ci si aspetta addentando un burger ben preparato.

INGREDIENTI

  • 4 panini (noi abbiamo utilizzato delle ciabatte di grano duro)
  • 4 hamburger
  • 1 peperone giallo
  • 1 peperone rosso
  • Formaggio morbido di capra o in alternativa mozzarella di bufala
  • 1 cucchiaio di senape
  • 1 cucchiaio di miele Millefiori Biodiversità
  • Olio, sale, pepe.

PROCEDIMENTO

Prepara i peperoni in anticipo, cuocendoli in forno a bassa temperatura (70°C) per circa due ore e mezza.
Poi pelali e marinali con olio, miele, sale e pepe.
Tosta su una piastra liscia o in forno i panini.
Sulla stessa piastra ben calda cuoci i tuoi hamburger: il segreto per ottenere quella piacevole crosticina è rigirarli continuamente senza mai schiacciarli, i succhi della carne resteranno ben sigillati all’interno del tuo burger croccante.
Ora puoi farcire il tuo panino cospargendolo di senape e adagiando sul burger sia il formaggio che avrai scelto di utilizzare, sia i peperoni.
Vuoi renderlo ancora più saporito?
Prima di richiudere il tuo panino lascia cadere sulla farcitura ancora un po’ di miele e una spolverata di paprika affumicata.

Buon appetito!

Tu stai facendo la tua parte? Tutti insieme per la tutela della Biodiversità!

Se diciamo “Biodiversità” a cosa pensi?
A noi vengono in mente le distese lussureggianti di foresta equatoriale, i campi fioriti del nord Europa, i pascoli alpini e i deserti con le loro specie animali, con i loro ecosistemi.
Se diciamo biodiversità però pensiamo anche agli innumerevoli rischi che sta correndo e alla necessità imminente di intervenire concretamente per la sua tutela.

Le Giornate Mondiali della Biodiversità e delle Api servono proprio a ricordarci che è giunto il momento di agire e di metterci in gioco: noi di Adi Apicoltura lo stiamo facendo, ogni anno da più di vent’anni, scegliendo la produzione biologica e proteggendo le nostre colonie di api perché la biodiversità è nelle loro mani.
Alla consapevolezza facciamo in modo che segua l’azione: chiediamoci come possiamo contribuire a salvare i nostri ecosistemi e iniziamo a farlo partendo dall’ambito domestico.

  1. Eliminiamo del tutto l’utilizzo di plastica usa e getta
  2. Scegliamo generi alimentari biologici e con una filiera tracciabile
  3. Selezioniamo prodotti per l’igiene biologici e privi di agenti inquinanti
  4. Lasciamo in garage le auto e per i piccoli spostamenti utilizziamo la bicicletta
  5. Riempiamo di verde e di fiori ogni angolo del nostro giardino e del nostro balcone in città

Questi sono solo piccoli suggerimenti dai quali partire per raggiungere quella consapevolezza che ci permetterà tutti insieme, con un lavoro di squadra di risollevare le sorti della biodiversità.
Mercoledì 20 maggio durante la Giornata Mondiale delle Api e venerdì 22 maggio in occasione della Giornata Mondiale della Biodiversità mettiamoci in gioco e chiediamoci: “Abbiamo fatto la nostra parte?”

Tu stai facendo la tua parte?

Noi di Adi Apicoltura abbiamo deciso che sarà questo il nostro nuovo claim: un vero e proprio promemoria per noi e per tutti quelli che ci seguono, che con questa domanda troveranno la motivazione per agire.
Ricordiamoci di essere protagonisti del cambiamento e non spettatori passivi: più siamo, più facciamo squadra più i risultati saranno veloci da raggiungere. 
Non sarebbe bello tornare a vedere quel pianeta verde e pieno di animali a cui i libri di geografia ci hanno abituati?

Cheesecake fresca con agrumi e miele biologico: ecco la nostra ricetta!

La temperatura si fa sempre più mite, il sole splende e mai come in questo periodo abbiamo bisogno di momenti felici:  la nostra cheesecake con miele biologico di Agrumi siamo sicuri riuscirà a regalare un sorriso a tutta la famiglia e a rendere speciale le tue merende.

Mettiti all’opera, segui passo dopo passo la ricetta e condividi con noi la foto della tua versione di cheescake al miele di Agrumi!

INGREDIENTI (per una teglia a cerniera di 24 cm)

Per la Base

  • 180 grammi di biscotti Digestive
  • 100 grammi di burro

Per la crema 

  • 500 grammi di ricotta vaccina
  • 200 grammi di formaggio fresco spalmabile
  • 100 grammi di panna fresca
  • 10 grammi di gelatina in fogli
  • 2 cucchiai di miele di Agrumi Biodiversità 
  • la scorza grattugiata di due arance

PROCEDIMENTO

Il primo passo per la realizzazione della cheesecake è quello di creare la base di biscotti: trita finemente i biscotti in una ciotola, amalgamali al burro fuso e disponi il composto sul fondo di uno stampo a cerniera compattandolo uniformemente con il dorso di un cucchiaio.

Lascia freddare la base in frigo per circa 30 minuti e nel frattempo prepara la crema.

Setaccia la ricotta in una ciotola molto ampia, aggiungi il miele di agrumi, il formaggio spalmabile e la scorza di agrumi e amalgama il composto finché non risulta liscio e uniforme.

In un pentolino scalda la panna senza farle raggiungere la bollitura e a fuoco spento aggiungi la gelatina che avrai precedentemente fatto ammorbidire in acqua fredda.

Lascia che la panna si freddi e aggiungila alla crema di formaggi: amalgama per bene il composto e versalo nello stampo.

 

Ci siamo quasi: non ti resta che lasciar riposare la tua cheescake in frigo per circa quattro ore e poi guarnirla a tuo piacimento.

 

Noi ti consigliamo di aggiungerci tanti spicchi di agrumi pelati a vivo e una generosa quantità di miele di Agrumi.

Riesci ad immaginare una merenda migliore di questa?

Cosa aspetti: fai scorta del nostro miele qui , segui le ricette nel nostro blog e condividi le foto di tutti i manicaretti che realizzi con il nostro miele biologico e 100% italiano!

 

Miele e formaggi: scopri come abbinarli nel modo giusto!

Il binomio miele – formaggio è frequentemente presente sulle nostre tavole ma merita un approfondimento e un’analisi sensoriale specifica.

Abbinare il nostro miele preferito ad un formaggio può sembrare un’azione facile considerata la forte contrapposizione dei due sapori in questione.

Quello che spesso tendiamo a dimenticare è che l’Italia è seconda solo alla Francia per l’ampia produzione di formaggi e che i mieli, a seconda della loro botanica d’origine e della zona di produzione assumono caratteristiche organolettiche completamente differenti.

 

Come possiamo scegliere quindi il miele più giusto per il formaggio che il nostro bottegaio di fiducia ci ha consigliato?

Iniziamo col dire che esistono due tipi di abbinamento: quello per contrapposizione e quello per concordanza di sapori.

Lo scopo però resta in entrambi i casi  quello di valorizzare e mettere in luce le peculiarità gustative di entrambi gli alimenti degustati.

Per il miele e per il formaggio entrano poi in gioco caratteristiche differenti dovute alla stagionatura, alla cristallizzazione, alla zona d’origine e produzione.

Oggi abbiamo provato a comporre un tagliere di formaggi utilizzando in abbinamento i cinque mieli della nostra nuova linea Biodiversità.

Acquista i nostri mieli, prova gli abbinamenti che ti consigliamo e dicci cosa ne pensi !

 

Miele di Agrumi Biodiversità e Formaggio Latteria Biologico di breve stagionatura (2 mesi)

L’abbinamento del miele di agrumi con il Formaggio Latteria Bio nasce dall’idea di contrastare ma allo stesso tempo esaltare la consistenza leggermente burrosa del formaggio e i profumi intensi del miele.

I granuli sottili e uniformi del miele di agrumi cristallizzato creeranno infatti il giusto contrasto con la texture morbida del formaggio latteria.

La delicatezza del sapore di latte del formaggio latteria non deve essere coperta: il profumo delicato del miele e il suo sapore mai invadente accompagneranno l’evoluzione dei sapori e degli aromi del formaggio in degustazione.

 

Miele di Acacia Biodiversità e Pecorino di Fossa 

Il miele di Acacia è un miele delicato. Il nostro lo è ancora di più vista la sua elevatissima purezza.
Al palato si percepiscono piacevoli aromi di vaniglia e leggeri sentori floreali, di fiori bianchi e mandorle.
La sua fluidità, e la sua texture uniforme e morbida sposano la consistenza compatta del formaggio stagionato e il suo gusto deciso e maturo dovuto alla permanenza in grotta e alla pungenza e selvaticità del latte di Pecora.

 

Miele Millefiori Biodiversità e Robiola (meglio se a crosta fiorita)

Particolare, dolce e a tratti pungente, il miele di Millefiori con il suo retrogusto agrumato e leggermente caramellato esalterà la nota acidulata della robiola e la sua freschezza.
L’abbinamento metterà in evidenza in corso di degustazione le piacevoli sensazioni palatali dovute alla consistenza vellutata che si scontra invece con i cristalli morbidi ma compatti del miele Millefiori.

Miele di Tiglio Biodiversità e Castelmagno

Il miele di Tiglio è un miele dal gusto e dal profumo intensi.
Sentori di fiori bianchi e leggermente balsamici si alternano a retrogusti dolci e pungenti che sposeranno in degustazione il sapore intenso e la sapidità pronunciata del Castelmagno.
La consistenza compatta del miele di Tiglio esalterà la texture del formaggio in degustazione permettendo di percepire le note aromatiche derivate dalla fermentazione del latte.

Miele di Castagno Biodiversità e Gorgonzola

Al miele di Castagno, alla sua consistenza fluida e al suo sapore verde, quasi balsamico abbiamo deciso di abbinare il re dei formaggi erboranti: il Gorgonzola.

L’amaricanza del miele di Castagno sgrasserà il palato durante la degustazione e il suo sapore poco dolce, tannico e intenso esalterà il sapore caratteristico e avvolgente del formaggio.

 

 

 

 

 

 

 

 

Il miele di Acacia: dolce e buono sempre

 
Il miele di Acacia è uno dei mieli monofloreali più conosciuti e apprezzati.
Si caratterizza per il suo colore chiaro, la sua limpidezza e la dolcezza marcata con note di vaniglia che lo rendono un miele adatto a tutti i consumi e gli abbinamenti.

Caratteristiche organolettiche

Il nostro miele di Acacia biologico della linea Biodiversità rimanda in ogni sua caratteristica alla delicatezza del fiore di Robinia da cui ha origine.
Un esame olfattivo lascia presagire infatti l’estrema dolcezza di questo miele che è tra i pochi che mantengono nel tempo una consistenza liquida e fluida senza mai cristallizzare grazie alla percentuale superiore di fruttosio rispetto a quella di glucosio e un colore limpido e chiaro.

Il miele di Acacia regala durante la degustazione piacevoli sensazioni palatali enfatizzate dalla sua consistenza vellutata.

La vaniglia, l’aroma di mandorla fresca e il lieve rimando alla cera lo rendono un miele delicato adatto a smorzare e allo stesso tempo valorizzare la pungenza dei sapori di alcuni formaggi come il caprino o il Gorgonzola e il retrogusto selvaggio delle carni più complesse.

 

Se se ne vogliono cogliere al meglio tutte le sfaccettature gustative, ti consigliamo però di assaggiarlo, prima di abbinarlo a qualsiasi formaggio o carne, in purezza, magari su una fetta di pane fatto in casa e leggermente tostato!

Millefoglie di pane Carasau al miele di Tiglio

La stagione fredda si sta avvicinando e cerchi idee gustose e divertenti per le cene a casa con gli amici?

Oggi te ne diamo una davvero facile e dal risultato assicurato: millefoglie di pane carasau al miele biologico di Tiglio.

Anche per la ricetta di oggi, come per tutte le preparazioni che realizziamo, abbiamo ridotto drasticamente i tempi di cottura (in questo caso eliminati) abbattendo i consumi energetici a dimostrazione del fatto che uno stile di vita più sostenibile può e deve partire dai piccoli gesti quotidiani come quello della preparazione della cena.

Sei pronto?

Per questa ricetta ti serviranno pochi ingredienti: solo ricotta di capra, il nostro miele di Tiglio, pane Carasau e frutta fresca di stagione (noi abbiamo utilizzato gli ultimi fichi della stagione ma anche l’uva scura a bacca tonda andrà benissimo)

 

INGREDIENTI per quattro porzioni:

  • 400 grammi di ricotta di capra bio 
  • 100 grammi di ricotta vaccina o di bufala 
  • 8 fogli di pane Carasau 
  • 8 fichi oppure un grappolo d’uva
  • miele di tiglio 
  • scorza di limone 
  • olio EVO, sale e pepe 

PREPARAZIONE 

In una ciotola capiente amalgama energicamente con una frusta la ricotta di capra e quella vaccina avendo cura di incorporare quanta più aria possibile perchè diventi leggera e spumosa. (Le fruste elettriche in mancanza di tempo o energie possono essere un’ottima soluzione!)

Quando il volume della ricotta sarà aumentato, aggiungi un filo d’olio e continua a mescolare e dopo qualche minuto incorpora anche un po’ di sale e pepe.

Riponi la “mousse” in una sac à poche e lasciala riposare per una mezz’oretta in frigorifero.

Nel frattempo lava con cura i fichi (o l’uva) e tagliali a spicchi.

Emulsiona in una ciotolina un abbondante cucchiaio di miele di tiglio con un po’ d’olio EVO.

 

Componi il piatto sovrapponendo a strati di pane carasau, mousse di ricotta fichi e qualche goccia dell’emulsione al miele e completa con una spolverata di pepe e una grattata di scorza di limone.

 

Il tuo antipasto è pronto per essere portato in tavola e abbinato ad un buon calice di bollicine!

Presentazione dei nuovi mieli Biodiversità durante la Fashion Week a Milano, nel giardino WWF!

Giovedì 19 Settembre si terrà la presentazione ufficiale della nuova linea di mieli biologici Biodiversità presso la Secret Oasis Garden del WWF in via Tommaso da Cazzaniga a Milano a partire dalle 18:00.
Consulta i dettagli dell’evento e per partecipare (https://www.facebook.com/events/750127898754984/), scrivici a zampieri@ideafoodandbeverage.it in modo da tentare di aggiudicarti uno dei pochi – esclusivi posti disponibili.
L’evento è a numero limitato, la nostra mail di conferma sarà considerata valida come accredito. 

 

 

Perchè la Biodiversità è importante? 

La biodiversità è la biblioteca della vita e noi ne stiamo bruciando interi volumi, ne stiamo strappando una pagina dopo l’altra. 

Eccessivo utilizzo delle risorse naturali, sovraffollamento urbano, utilizzo di diserbanti e pesticidi tossici sono solo alcune delle cause del galoppante depauperamento della biodiversità
La soluzione o meglio la prima arma per contrastarlo è sotto i nostri occhi: le api
Gli insetti impollinatori sono i custodi della biodiversità, proteggendoli a aiutandoli a sfuggire alla minaccia di un‘agricoltura intensiva e violenta possiamo preservare il nostro ecosistema e scongiurare l’estinzione di tante specie animali che, esemplare dopo esemplare, perdendo il loro habitat, sono scomparse definitivamente. 
È guardando al futuro, guardando i nostri figli e ammirando le loro passioni, osservando le api che ogni giorno assieme a loro curiamo che abbiamo ideato la nuova linea di mieli biologici Biodiversità.
Sull’etichetta di ciascuno dei mieli, di Tiglio, di Agrumi, di Acacia, di Castagno e Millefiori è illustrato un esemplare che il WWF ha inserito negli anni nell’elenco delle specie a rischio estinzione
La linea di mieli biologici Biodiversità è quindi la sintesi del nostro impegno quotidiano, il riassunto concreto di cent’anni di apicoltura rispettosa dei naturali ritmi della natura e delle api
Sostenendo la fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus e appoggiando le numerose battaglie che il WWF conduce instancabilmente ribadiamo il nostro impegno e la nostra volontà per fare tutto il possibile affinché le api possano sopravvivere e continuare a rendere magnifico e lussureggiante il nostro pianeta!
Insieme, con impegno e dedizione possiamo davvero fare la differenza! 

Cavolo cappuccio gratinato al miele di Castagno: scopri come prepararlo!

Il cavolo cappuccio, o cavolo verza, in tutte le sue varianti di colore e forma, è uno degli ortaggi più versatili e semplici da preparare.

Le sue proprietà antiossidanti poi, assieme all’elevato contenuto di potassio, ferro, calcio e vitamina C lo rendono un ideale alleato per una dieta sana ed equilibrata.

È ottimo se consumato crudo in insalate ricche ed originali ma squisito anche se bollito per realizzare zuppe e vellutate.

Noi abbiamo voluto realizzarne una gustosa  variante gratinata al miele: segui la ricetta e prepara questo piatto a casa tua.

 

INGREDIENTI

  • 1 cavolo cappuccio viola 
  • Pangrattato 
  • Capperi 
  • Timo e menta
  • Scorza di limone  
  • 1 cipolla rossa di Tropea 
  • Miele di Castagno biologico “Biodiversità”

 

PREPARAZIONE

Dividi il cavolo cappuccio in spicchi assicurandoti che siano più o meno tutti della stessa dimensione e condiscilo con abbondante olio d’oliva, sale e pepe.

Lascia che si insaporisca per qualche minuto e nel frattempo prepara la panatura croccante: unisci in un recipiente il pangrattato, un filo d’olio, i capperi, le erette aromatiche e la cipolla rossa precedentemente sminuzzati ed un cucchiaio di miele di Castagno.

Rivesti una teglia ampia con la carta forno e disponi gli spicchi di cavolo cappuccio ricoprendoli con un generoso strato della panure che hai preparato.

Completa con un filo d’olio e una spolverata di sale e fai cuocere per circa 25 minuti in forno statico preriscaldato a 180°.

 

Impiatta aggiungendo del miele di Castagno a filo e un po’ di scorza di limone.

 

Semplice vero?

Acquista il miele di Castagno biologico della linea Biodiversità e cimentati anche tu nella realizzazione di piatti gustosi e salutari a base di miele!

 

 

 

 

La sostenibilità passa attraverso piccoli gesti quotidiani: scopri quali!

La salvaguardia dell’ecosistema e della biodiversità ti sta a cuore tanto quanto sta a cuore a noi?

Insieme, unendo le nostre forze, possiamo davvero fare la differenza!

 

Basteranno pochi e semplici gesti per dare il nostro contributo e vivere in modo più sostenibile!

Oltre alla raccolta differenziata, alla riduzione dei consumi energetici, all’utilizzo di vetro piuttosto che di plastica è l’informazione che fa davvero la differenza.

Dobbiamo porci sempre delle domande: assumendo un atteggiamento critico riusciremo a scoprire quanto gesti che pensavamo di poca importanza sono quelli che contribuiscono davvero alla salvaguardia del pianeta.

La sostenibilità per esempio, passa anche attraverso l’alimentazione e ciò che finisce nel nostro carrello, lo sapevi?

 

Ecco un breve elenco con sette consigli per una vita più sostenibile!

1.Ricicla: la raccolta differenziata, fatta nel modo giusto e seguendo alla lettera i consigli degli esperti può essere un giusto primo passo per una vita più sostenibile.

2.Riduci gli sprechi di energia: stop agli stand-by di computer, tv e consolle e assicurati di spegnere sempre le luci. Controlla le temperature e non esagerare con l’utilizzo di termosifoni o aria condizionata.

3.Lascia l’auto in garage: quando possibile muoviti a piedi o con i mezzi pubblici, a giovarne non sarà solo l’ambiente, ma anche la tua salute!

4.Riduci il consumo di materiali plasticiinizia sostituendo alla bottiglietta di plastica una comoda borraccia termica e a scegliendo prodotti sfusi e non confezionati tra i banchi del supermercato.

5. L’acqua ha un valore inestimabile: non sprecarla!  Sai che attraverso i frangi flutto installati su rubinetti puoi risparmiare il 50% di acqua? Ricordati sempre di limitare li sprechi riutilizzando per esempio l’acqua con cui hai lavato le verdure per dare da bere alle piante in giardino.

6. Riempi di piante il tuo giardino: oltre ad essere un piacere per gli occhi, i tuoi fiori saranno un rifugio per gli insetti impollinatori e un sostegno alla tutela della biodiversità.

7. L’alimentazione consapevole è la chiave di volta per uno stile di vita davvero sostenibile. Scegli sempre prodotti stagionali ma soprattutto italiani o locali e non lasciarti influenzare dalle mode: il consumo smodato di un singolo frutto o alimento in generale è stato fino ad oggi la causa di tanti irreparabili danni al suolo.

 

E tu quali di queste piccole regole segui già?

È importante comprendere l’importanza che semplici gesti possono rappresentare per la tutela dell’ecosistema: piano piano, insieme possiamo fare la differenza e rallentare il depauperamento degli ambienti naturali.

 

P.S.:  Ultimo ma non meno importante consiglio: se sei un amante del miele, scegli solo quello biologico!

In questo modo potrai dire di aver tutelato la salute delle api e aver dato un ulteriore contributo alla salvaguardia della biodiversità!

 

 

 

 

Roast di verdure al miele di Tiglio

Le parole d’ordine per le cene estive sono: colore e leggerezza.

Se ci aggiungi anche che utilizzando le nostre ricette riuscirai a preparare un piatto delizioso in meno di mezz’ora senza utilizzare troppi elettrodomestici e senza spreco di energie, il risultato sarà sicuramente un successo.

Pronto?

Per questa preparazione non dovrai far altro che svaligiare il banco della verdura, tostare un po’ di pane, comprare una buona bottiglia di bollicine e invitare qualche amico per passare una tranquilla serata in terrazza!

 

Oggi prepariamo insieme il roast di verdure al miele!

INGREDIENTI:

  • Carote gialle
  • Peperoni
  • Pomodori
  • Zucchine
  • Cipolle rosse di Tropea

E tutte le verdure di stagione che riuscite a reperire (evitate quelle a foglia perchè rischierebbero di bruciarsi in cottura)

PROCEDIMENTO

Taglia grossolanamente le verdure (come da foto in fondo alla ricetta) e disponile su una teglia precedentemente foderata di carta da forno.

Spennella con olio abbondante, aggiungi sale, pepe ed erbette o spezie e inforna a 160° in forno ventilato o 180° a forno statico  per circa 15 minuti.

Aggiungi capperi e spennella nuovamente le verdure di miele e olio e ultima la cottura per altri dieci minuti.

 

Una volta pronte, porta le tue verdure in tavola tiepide accompagnate da miele di Tiglio che, con i suoi sentori freschi e il suo finale leggermente agrumato, le renderà ancora più sfiziose.

Crostini di pane e un formaggio fresco come una mozzarella di bufala o una ricottina dolce e la cena è pronta: stappa una bottiglia di vino bianco o bollicine e brinda alla spensieratezza di una cena estiva in compagnia degli amici!