Cheesecake al miele: una merenda dolce, fresca e salutare.

Quando pensiamo alla cheesecake, pensiamo ad una torta fresca ma molto calorica per via degli ingredienti.

Vogliamo quindi alleggerirla e renderla anche un po’ più salutare.
Nella ricetta della cheesecake di oggi lo zucchero sarà totalmente sostituito dal miele e a vostra discrezione potrete utilizzare yogurt greco in quantità al posto della panna montata.
Come ogni preparazione, il risultato sarà migliore se la scelta degli ingredienti sarà oculata e direzionata a prodotti freschi, a km 0 e di qualità.
La variante che preferiamo è quella cotta.
E voi quale cheesecake preferite?

INGREDIENTI PER OTTO PERSONE

(stampo rotondo da 20 cm di diametro) 
– 150 gr di biscotti Digestive (integrali);
– 40 gr di burro;
– 60 gr di mandorle (o noci);
– 250 gr di yogurt naturale (quello greco è ideale);
– 250 gr di ricotta;
– 250 grammi di robiola;
– 3 uova;
– 120 gr di miele di agrumi o millefiori.

PREPARAZIONE

Frantumate i biscotti e la frutta secca che avrete deciso di utilizzare, dopo averli uniti al burro fuso, compattateli sul fondo rivestito di carta del vostro stampo.
Lasciate raffreddare la base croccante in frigo per quindici minuti e nel frattempo preparate l’impasto per la cheesecake.
Mescolate in una ciotola capiente la robiola, la ricotta, metà dello yogurt greco a vostra disposizione e la scorza di un limone.
Quando avrete ottenuto un composto vellutato e omogeneo, incorporate le uova e disponete la crema in maniera uniforme sulla base di biscotti.
Infornate la cheesecake a 160° per circa 40 minuti: l’interno dovrà risultare ancora morbido e l’esterno leggermente dorato.
Lasciate raffreddare la torta e completatela con un ultimo strato di yogurt greco mescolato al miele.
Sbizzarritevi pure nel servire la vostra gustosa cheesecake come preferite: con un po’ di miele a mo’ di caramello, con della frutta di stagione o con qualche amarena a renderla ancora più golosa.
Provate e diteci cosa ne pensate di queso golosissimo ma salutare dolce al formaggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *