Il miele di Tiglio: caratteristiche e peculiarità

Quante volte ti sarà capitato, passeggiando in collina o talvolta anche in città, di riuscire a percepire l’odore floreale, fresco e pungente tipico dell’albero di tiglio?

Nascoste fra i suoi fiori e le sue foglie si muovono centinaia di api che raccogliendo il nettare danno vita ad uno dei mieli più conosciuti e apprezzati.

Il miele di tiglio viene raccolto e prodotto principalmente nelle zone appenniniche e nell’arco alpino centro settentrionale.

La tecnica dell’apicoltura nomade ci permette di accompagnare le api laddove le piantagioni biologiche sono più ampie e lontane dall’inquinamento urbano, permettendoci di ottenere un miele purissimo.

Il miele di tiglio è un miele che fino a poco tempo fa era conosciuto principalmente per le sue proprietà curative e balsamiche.

Il suo sapore intenso, dolce, mentolato e vagamente astringente e la fragranza fresca che ricorda la salvia e le erbe di montagna lo rendono un perfetto miele da degustazione.

Per degustarlo al meglio è importante non sottoporlo a fonti di calore che rischiano di denaturarne le proprietà nutrizionali oltre che il sapore.

La cristallizzazione del miele di tiglio è una cristallizzazione grezza che alterna a granuli più spessi altri più fini e compatti.

Lo hai mai assaggiato in abbinamento ad un cous cous mediterraneo a base di olive taggiasche, pomodoro secco, pistacchi e uva passa?Continua a seguire il nostro blog, presto ti sveleremo tante gustose ricette il cui protagonista indiscusso sarà il miele di tiglio biologico!

Cosa aspetti?

Acquistalo nel nostro e-shop!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *