FAQ

-Cos’è il miele?

Il miele è il frutto della digestione del nettare di piante e fiori da parte delle api.
È costituito da una miscela di zuccheri (glucosio e fruttosio) con una contenuto massimo di acqua del 18%, acidi organici, minerali, vitamine e altri nutrienti.

-È normale che il miele cristallizzi?

La cristallizzazione del miele è un processo naturale a cui tutti i mieli, fatta eccezione quello di Acacia, la Melata e quello di Castagno, vanno incontro.
È determinato in principalmente dal rapporto variabile tra glucosio e fruttosio oltre che dalla percentuale di acqua. Un contenuto di glucosio più elevato infatti, comporta una maggiore fluidità del prodotto.

-È sbagliato scaldare il miele in microonde?

Scaldare il miele per farlo tornare fluido è sicuramente sbagliato sia che lo facciate al microonde sia che utilizziate altri metodi.
Le temperature elevate infatti alterano la naturale composizione del miele, denaturandone molte qualità nutrizionali importanti come per esempio minerali e vitamine.
Ecco perchè è consigliabile sempre scegliere mieli non pastorizzati e quindi non trattati
termicamente.

-Il miele fa ingrassare?

Come tutti gli zuccheri che si rispettino, sicuramente anche il miele, consumato in quantità eccessive non è adatto ad un regime dietetico.
È certo però che il suo maggiore potere dolcificante ci permette di ridurre le quantità utilizzate e di scegliere non soltanto un prodotto dolcificante, ma anche salutare, grazie ai nutrienti che contiene naturalmente.

-Che scadenza ha il miele?

Per legge è obbligatorio riportare in etichetta una data di scadenza che non superi i cinque anni dall’invasettamento del miele.
Il ridottissimo contenuto di acqua e la quasi totalità di zucchero nella composizione del miele, vi fanno ben immaginare quanto questo sia però un prodotto a lunghissima conservazione.

-Come si fa a produrre mieli differenti?

Produrre tipologie di miele differenti è possibile posizionando le arnie in campi coltivati con l’unica specie botanica desiderata è facendo in modo che queste siano situate al centro di un’ipotetica area circolare dal raggio di 3 km. Perchè è effettivamente di 3 km la distanza massima percorsa in volo dalle api prima di far ritorno all’arnia.

-Cosa significa miele biologico?

Per definizione, un miele biologico è un prodotto naturale al 100%.
Dalla raccolta, fino alla lavorazione del prodotto, il miele biologico è sottoposto a severi controlli e disciplinari che vietano categoricamente l’utilizzo di pesticidi o agenti chimici in generale, tanto nella coltivazione dei campi quanto nella cura delle arnie e delle api stesse.

-In cosa consiste l’apicoltura nomade?

L’apicoltura nomade consiste nel vero e proprio spostamento, effettuato sempre nel massimo rispetto degli insetti, delle arnie a seconda del luogo in cui è situato il campo che l’apicoltore ha deciso di utilizzare per la raccolta.
Alla pari di quella bovina, quella delle api è una vera e propria transumanza.

-Perché le api sono indispensabili alla biodiversità?

Tutti pensano alle api unicamente in relazione allo strabiliante prodotto del loro lavoro: il miele.
Pochi notano però che le api sono fondamentali alla vita, nella veste di insetti impollinatori. Grazie al loro volo infatti decine di colture ortofrutticole sopravvivono al depuperamento genetico.
La moria delle api, che ha colpito la Terra in questi ultimi anni, ha messo a rischio la sopravvivenza di molte specie vegetali e di conseguenza anche animali. Proteggere le api significa proteggere la biodiversità e la vita dell’essere uman

Iscriviti alla nostra newsletter!

Non preoccuparti, invieremo solo una comunicazione bimestrale sulle novità… e molto presto, per i primi iscritti, ottime occasioni d’acquisto!

 

 

Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi della legge n. 196/2003, come descritto dalla relativa policy.

 

ADI Apicoltura s.r.l.
Via Alcide De Gasperi, 72
66046 Tornareccio (CH)

info@adiapicoltura.it
P.IVA 02051060693

Tel. +39 0872 868160
Fax +39 0872 870021

Slow-Food_Logo